L’Unione africana ha chiesto le scuse ufficiali del vicepremier italiano

L’organizzazione internazionale in una nota  si riferisce alla frase di Salvini pronunciata lo scorso 14 settembre durante il vertice sui migranti a Vienna, in Austria.

L’Unione africana ha chiesto le scuse ufficiali del vicepremier italiano

L’Unione africana ha chiesto le scuse ufficiali del vicepremier e ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, per le sue dichiarazioni in cui “ha paragonato gli immigrati africani a schiavi”.

L’organizzazione internazionale in una nota  si riferisce alla frase di Salvini pronunciata lo scorso 14 settembre durante il vertice sui migranti a Vienna, in Austria.

"Io penso di essere pagato dai miei cittadini per aiutare i nostri giovani a fare quei figli che facevano qualche anno fa, non per espiantare il meglio dei giovani africani per rimpiazzare gli europei che per motivi economici non fanno più figli”, aveva detto il ministro italiano, aggiungendo poi che in Italia loro sentono "l’esigenza di aiutare i propri figli a fare degli altri figli, non ad avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che noi non facciano più".

L’Unione africana, in una nota diffusa  ha espresso “sconcerto” per le parole di Salvini e ha chiesto che il vicepremier “ritratti la sua dichiarazione sprezzante” e ha sottolineato che tale dichiarazione non risolveraà le sfide migratorie che affliggono l’Africa e l’Europa"

 

 

 



NOTIZIE CORRELATE