Le nuove vittimi dei demoni: Rohingyas

Le vittime non sono i Rohingyas, ma l'umanità stessa. Tutte le organizzazioni internazionali, in particolare le Nazioni Unite, rimangono indifferenti a questo massacro...

Le nuove vittimi dei demoni: Rohingyas

Da mesi una minoranza si sta uccidendo sistematicamente dal paese sovrano di cui sono cittadini. Si stanno bruciando i loro villaggi, i loro villaggi e le loro case. La gente non si ferma con dare fuoco alle case o le città ma brucia insieme i bambini, vecchi e donne. Si uccidono da pezzi con coltelli. Bambini e persone anziane vengono gettate nei fiumi selvaggi. Gli attori di tutta questa violenza sono lo stato ei chierici buddisti, i civili ei militari sostenuti da quel paese.

Le vittime non sono i Rohingyas, ma l'umanità stessa. Tutte le organizzazioni internazionali, in particolare le Nazioni Unite, rimangono indifferenti a questo massacro. Anche se i Rohingyas sono musulmani, non c’è un’unica voce da un paese musulmano. Solo il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha condannato contro questo massacro e lo ha portato all'ordine del giorno del mondo.

L'UE e tutti i paesi occidentali che agiscono con alta sensibilità non solo ai diritti umani, ma anche ambientali e degli animali sono rimasti in silenzio a fronte di questo massacro.

Da 35 anni i valori umanitari dell'Europa e dell'Occidente si stanno massacrando dal stesso mondo occidentale. E l'Occidente non ha più nessun argomento. Quando l'Occidente e soprattutto l'Unione europea parlano dei diritti umani e della democrazia, tutti sanno già che esiste un interesse economico dietro queste parole. Questa triste realtà si sa anche dagli occidentali con la coscienza viva.

L'Occidente passerà alla storia come una civiltà che consuma i propri valori e distrugge se stesso.

25 anni fa, l'Occidente, ignorando il genocidio dei serbi in Bosnia Erzegovina nell'Europa centrale firmò il proprio decreto di morte. Poi arriva la sua posizione nella guerra civile in Liberia. L'occupazione dell'Iraq e dell'Afghanistan basata sulle affermazioni irrealistiche ha causato la demolizione della fiducia verso l'Occidente. L'ultima posizione verso la Primavera araba ha consumato le ultime speranze.

La posizione che sostenne il colpo di stato nel rovesciamento di Muhammed Mursi, eletto dalla maggioranza del popolo egiziano, credo sia stato l'ultimo respiro dei valori occidentali. L'ultima ipocrisia dell’Occidente è stato anche l'accoglienza dei golpisti che hanno tentato di rovesciare il presidente eletto democraticamente in Turchia. I soldati che hanno tentato un colpo di stato in Turchia hanno ucciso centinaia di civili e hanno lasciato migliaia di feriti. Il mondo occidentale e l'UE hanno abbracciato questi terroristi e hanno dato status di rifugiato a tutti loro.

Oggi nessuno si arrabbia davanti al silenzio di fronte alla violenza ai Rohingyas, dello stesso Occidente. Perché la gente sa già che la democrazia, l'uguaglianza, i diritti umani, la morale come concetti sono i dispositivi utilizzati solo per i propri interessi.

Quello che accade veramente ad Arakan è una copia della guerra per procura in Siria, Iraq e Libia. Il più grande potere militare ed economico del mondo occidentale non vuole che la Cina si rafforza come potenza economica e la costruzione della Via della Seta.

I principali pipeline energetiche cinesi e la realizzazione del fino l'80 per cento del commercio marittimo attraverso lo stretto dell'Arakan, ha portato le economie che vedono questo paese come una minaccia a cercare nuovi rimedi. Risulta che l'obiettivo dei poteri del mondo occidentale che sono entrato qualche anno fa in Afghanistan e Iraq per distruggere le cosiddette armi nucleari presumibilmente è molto diverso. Dopo che si è scopre che non c’erano armi nucleari e di distruzione di massa, perché sono ancora in questi paesi i soldati occidentali?

Purtroppo, dal 1991 le guerre per procura iniziate dai poteri occidente in Medio Oriente si sono estesi ad Asia. Spero che la ragione dello Stato di Myanmar vincerà e sfuggirà da questa impasse. Si chiede il cambiamento della mappa politica e etnica della zona, applicando un genocidio verso i musulmani di Rohingya. Questi casi non saranno limitati a quelli di Rohingyas. Spero che il mondo non continua ad essere l'apparato di questa sporca guerra per procura.



NOTIZIE CORRELATE