Prospettiva Globale 17

Turchia, 32esima elezione parlamentari, prime elezioni presidenziali

Prospettiva Globale 17

Il 24 giugno 2018 si terranno le 32esime elezioni parlamentari e le prime elezioni presidenziali nella storia della Turchia.

In Turchia le prime elezioni legislative sono state svolte nel 1876, durante il periodo ottomano. Furono seguite da altre elezioni legislative nel 1878, 1908, 1912, 1914 e 1919. Sei elezioni in totale durante questo periodo.

Durante il periodo della Repubblica, si sono tenute in totale 25 elezioni parlamentari, anche durante il periodo a partito unico. Durante il periodo del partito unico, furono svolte sei volte nel 1923, 27, 31, 35, 39, 43. Mentre dopo l'introduzione del sistema multipartitico 19 elezioni si sono svolte dal 1946. Il 24 giugno andremo al voto per la ventesima volta.

Dalle prime elezioni del 1876 alle elezioni del 24 giugno 2018, le elezioni parlamentari si terranno in Turchia per la 32esima volta. Nel frattempo, ci sono anche periodi di transizione, in cui non si sono potuto tenere elezioni a causa dei colpi di stato.

Diverse periodi elettorali

Senza dubbio, ogni elezione o periodo elettorale ha le sue caratteristiche uniche. Le elezioni tenute durante il periodo ottomano erano avvenute mentre c'erano istituzioni tradizionali come il Sultanato e religiosi come il Califfato e lo Sceicco al-Islam. Mentre la Turchia abbracciava la democrazia in un periodo in cui c'era il califfato e lo sceicco al-Islam, non c'è stato molto dibattito sul fatto che l'islam e la democrazia siano o meno in armonia.

Le elezioni tra il 1923 e il 1943 sono stati elezioni a partito unico. Anche se a quel periodo non c’era permesso per i partiti dell'opposizione, il fatto che queste elezioni continuassero a svolgersi mostra la tradizione elettorale, iniziata durante il periodo ottomano e la continuazione di queste elezioni "anche se nella forma" in un tempo in cui l'Occidente scivolava verso il fascismo e il nazismo.

La Turchia tornò alla sistema politico multipartitico nel 1946. Le elezioni tenute tra il 1876 e il 1943 erano in due fasi, mentre le elezioni tenute dal 1946 ad oggi sono elezioni a fase singola. Le elezioni in due fasi sono un sistema simile a quello degli Stati Uniti. In questo sistema, gli elettori eleggono i secondo elettori ed a loro volta secondo elettori votano per i parlamentari. Il sistema a due fasi è in realtà un segnale di sfiducia nel voto generale.

Il 24 giugno 2018, la Turchia terrà le prime elezioni presidenziali nella sua storia, insieme alle elezioni parlamentari. Dal 1876 ad oggi, il governo è stato fondato dai rappresentanti eletti all'assemblea. Questa sarà la prima volta che il capo di stato e i deputati, che costituiranno il governo saranno eletto separatamente. Per comprendere la necessità del sistema di governo presidenziale, potete leggere il mio libro dal titolo "Il sistema presidenziale per una Turchia più efficace, stabile e potente" che ho scritto prima del referendum del 2017.

Il significato delle elezioni

La democrazia prende le sue forze non dal sistema stesso ma dalla legittimità che fornisce. In passato esistevano vari metodi per legittimare i sistemi politici. Potrebbero esserci altri metodi anche in futuro. Tuttavia, nel mondo di oggi, la democrazia è forse l'unico metodo che porta la legittimità sociale ai sistemi politici. Pertanto, l'adozione / percezione legittima da parte delle persone di un sistema politico stabilito attraverso le elezioni, è molto importante dal punto di vista della solidarietà / unità tra lo stato e la nazione. I sistemi politici che traggono la loro forza dalla nazione attraverso le elezioni, sono molto potenti sia nel paese che nell'arena internazionale. Questo è esattamente l'opposto per i sistemi politici che non hanno legittimità sociale. Questo tipo di regime resta integro esercitando più pressione e violazioni dei diritti umani e della libertà, ma all'esterno è più debole perché non trae la sua forza dalla sua stessa nazione. Di conseguenza, è costretto ad affrontare diversi giocatori globali.

Guardando al rapporto tra la democrazia e lo sviluppo, si può vedere quanto sia importante che i sistemi politici siano visti dalle loro società come legali o meno. Attualmente, i paesi più sviluppati e prosperi sono i paesi democratici, mentre i paesi più problematici sono i paesi anti-democratici. Da questo punto di vista, la fonte di pace, serenità e stabilità in un paese non è il livello di sviluppo economico, se ha valori come democrazia, pluralismo e libertà, perché lo sviluppo è possibile solo con questi valori. Non può esserci sviluppo dove non c'è pace e serenità.

Gli esempi più concreti del rapporto tra la libertà, il pluralismo e lo sviluppo economico sono le politiche che la Turchia ha adottato dopo gli anni 2000. Con il colpo di stato del 28 febbraio e le pratiche antidemocratiche e le politiche di pressione applicata, il reddito pro capite era sceso sotto 2 mila dollari. Grazie alle politiche più liberali, democratiche e pluralistiche attuate a partire dagli anni 2000, il reddito pro capite ha superato i 10 mila dollari.  

Quando pensiamo che la Turchia ha tenuto le sue prime elezioni nel 1876, la storia della democrazia turca è molto più antica che in altri paesi. Sebbene diversi regimi abbiano regnato in 142 anni, la Turchia ha sostanzialmente mantenuto il suo sforzo per la democrazia. Guardando indietro, si può vedere che la Turchia non è caduta in un regime dittatoriale come la Germania nazista e l'Italia fascista. Dopo gli anni 2000, la Turchia ha alzato il livello in termini di democrazia e libertà, lasciando alle spalle un sistema di paternalismo. Dato che anche oggi in Germania, Austria e Paesi Bassi i turchi sono privati ​​della libertà di riunione e della libertà di espressione, l'esperienza turca e la democrazia sono rivoluzionarie per molti paesi. Coloro che vogliono vedere come si svolgono le elezioni più sicure del mondo possono seguire da vicino le elezioni in Turchia.



NOTIZIE CORRELATE